Economia
cuore del nostro territorio

Scopriamo il Distretto Agroalimentare di Qualità della Valtellina

Oggi riunisce i Consorzi di Tutela di 9 denominazioni DOP e IGP, generando un fatturato medio complessivo di circa 289,50 milioni di euro.

Scopriamo il Distretto Agroalimentare di Qualità della Valtellina
Economia 14 Ottobre 2022 ore 08:35

Se ne sente parlare spesso ma cos'è il distretto agroalimentare di qualità della Valtellina?

Distretto Agroalimentare di Qualità della Valtellina

Formaggi, vini, bresaola, mele e pizzoccheri sono il “cuore” del nostro territorio e il Distretto Agroalimentare di Qualità della Valtellina si merita una menzione speciale: ricopre un ruolo chiave, testimoniato dai numeri presentati lo scorso giugno al forum Ambrosetti Food&Beverage.

Oggi riunisce i Consorzi di Tutela di 9 denominazioni DOP e IGP, generando un fatturato medio complessivo di circa 289,50 milioni di euro.

A recitare la parte del leone è la bresaola, con un valore alla produzione di 240milioni di euro, seguita da vino (24milioni), formaggi (14.500.000), mele (8milioni) e pizzoccheri (3milioni). Allargando il campo al settore agroalimentare in Valtellina si può notare un fatturato ex-factory di oltre 700 milioni, con una crescita media annua che supera il 6% (quattro volte la crescita media italiana).

E il DAQ rappresenta circa la metà di questo fatturato.

Ecco poi 2.500 imprese attive, ossia poco meno del 20% del totale (3,3 volte superiore alla media lombarda), con più di 7mila persone occupate. Infine l’export: il settore agroalimentare conta poco meno 100 milioni di euro, 90 derivanti dal food&beverage e 7 dai prodotti agricoli.

Seguici sui nostri canali
Necrologie