Successo per il corso di comunicazione e digital marketing

Grande il successo riscosso dalle lezioni condotte da docenti e divulgatori di tematiche digitali, oltre che pionieri nello sviluppo della Rete in Italia, Ivan Montis, Stefania Garassini e Stefano Betti.

Successo per il corso di comunicazione e digital marketing
Economia Sondrio, 21 Maggio 2019 ore 10:13

Si è concluso lo scorso 17 maggio il Corso promosso dalla Fondazione “Tirelli” incentrato sul tema della comunicazione e del digital marketing con l’ultimo dei tre incontri che si sono svolti nel mese di maggio presso l’Aula Magna dell’Istituto “De Simoni – Quadrio” di Sondrio e ai quali hanno partecipato alcuni studenti dello stesso Istituto e del Liceo “Piazzi-Perpenti”.

Corso di comunicazione e digital marketing

Grande il successo riscosso dalle lezioni condotte da docenti e divulgatori di tematiche digitali, oltre che pionieri nello sviluppo della Rete in Italia, Ivan Montis, Stefania Garassini e Stefano Betti. Particolarmente gradito è stato l’approccio adottato dai relatori che ha reso protagonisti gli studenti tramite la formula dello “storytelling” portandoli ad immergersi in prima persona nei racconti proposti al fine di svelar loro i meccanismi profondi della Rete. Dopo aver affrontato, nel corso del primo incontro, i temi legati alla Rete Internet e ai suoi protocolli tramite il racconto “Come sabotare una centrale Nucleare - Rudimenti di hacking etico” e, durante il secondo incontro, le modalità di funzione dei social network con una fittizia campagna elettorale dal titolo “Petauro for President”, l’ultimo appuntamento “Bolle di Sapone Srl”, ha puntato i riflettori sui concetti di vendita telematica e sull’e-commerce.

Grazie a Fondazione Tirelli

«Ci tengo molto a ringraziare la Fondazione “Tirelli”, sempre particolarmente attenta al mondo della scuola per il quale si prodiga spesso in pregevoli iniziative come questa – dichiara entusiasta il Dirigente Ust, Fabio Molinari –. Il corso ha ottenuto ottimi riscontri da parte degli studenti per la sua originalità e per il linguaggio particolarmente vicino al loro vissuto. Sono certo che i ragazzi abbiano avuto modo di approfondire la conoscenza di strumenti particolarmente utili grazie alla voce autorevole di importanti relatori che hanno saputo coinvolgere in maniera creativa ciascuno dei presenti».

Necrologie