Economia
Valle dei Sapori

Valmalenco: contributi a fondo perduto a sostegno del commercio e dell’artigianato

Il bando interessa i Comuni di Chiesa in Valmalenco, Lanzada e Caspoggio

Valmalenco: contributi a fondo perduto a sostegno del commercio e dell’artigianato
Economia 25 Febbraio 2022 ore 13:38

 

I comuni di Caspoggio, Chiesa in Valmalenco e Lanzada, con il supporto tecnico del Gruppo di Azione Locale Valtellina: Valle dei Sapori 2014 - 2020, hanno pubblicato sui rispettivi siti web il bando per l’erogazione di contributi a fondo perduto a sostegno del commercio e dell’artigianato previsto dal Fondo Nazionale di Sostegno alle Attività Economiche, Artigianali e Commerciali.

Bando

Il bando prevede una dotazione finanziaria complessiva di € 125.981,25 stanziata dal Dipartimento della Coesione Territoriale della Presidenza del Consiglio dei Ministri a favore delle tre Amministrazioni Comunali. Il contributo è cumulabile con tutte le indennità e le agevolazioni, anche finanziarie, emanate a livello nazionale per fronteggiare l’attuale crisi economico finanziaria causata dall’emergenza sanitaria da “COVID-19”.

Imprese

Sono ammesse ai benefici del bando le micro, piccole e medie imprese (MPMI, come definite dall’Allegato 1 del Reg. UE n. 651 del 17 giugno 2014), che esercitano, nei territori dei comuni di Caspoggio, Chiesa in Valmalenco e Lanzada, una delle seguenti attività:

● 31 Fabbricazione di mobili;
● 45. Commercio all’ingrosso e al dettaglio e riparazione di autoveicoli e motocicli; ● 47. Commercio al dettaglio (escluso quello di autoveicoli e motocicli); ● 56. Attività dei servizi di ristorazione;
● 77. Attività di noleggio e leasing operativo;
● 95. Riparazione di computer e di beni per uso personale e per la casa; ● 96. Altre attività di servizi per la persona.
Il bando prevede l’erogazione di un contributo a fondo perduto pari:
● al 80% delle spese al netto di IVA sostenute dall’impresa beneficiaria e considerate ammissibili (come indicato nell’art. 5 del bando) per le spese per investimenti; ● al 60% delle spese al netto di IVA sostenute dall’impresa beneficiaria e considerate ammissibili (come indicato nell’art. 5 del bando) per le spese di gestione; L’importo massimo del contributo erogabile è pari a Euro 7.000,00.

Domande

Gli interessati dovranno far pervenire la domanda in carta semplice, inderogabilmente a pena di esclusione a partire dalle ore 12.00 del giorno 28 febbraio 2022 fino alle ore 12.00 del giorno 29 aprile 2022 attraverso modalità telematica inviando tramite PEC (posta elettronica certificata) all’indirizzo galvaltellina2020@legalmail.it .

E’ infatti il Gruppo di Azione Locale Valtellina: Valle dei Sapori 2014-2020 che si occuperà della gestione delle domande e delle istruttorie.

Gruppo di Azione Locale Valtellina: Valle dei Sapori 2014-2020

“Il GAL è felice di supportare il territorio, in particolare i Comuni di Caspoggio, Chiesa in Valmalenco e Lanzada con cui è stata sottoscritta una specifica convenzione, nella gestione di questa importante iniziativa a favore delle aree montane”, ha commentato il Presidente Alberto Marsetti.

I dettagli relativi ai requisiti di ammissione e alla presentazione della domanda sono consultabili online nella sezione “Bandi” sul sito del GAL Valtellina: Valle dei Sapori 2014-2020. Link: https://www.galvalledeisapori.it e sul sito dei Comuni di Chiesa in Valmalenco (http://www.comune.chiesainvalmalenco.so.it/c014019/po/mostra_news.php?id=52&area=H), Lanzada (http://www.comune.lanzada.so.it/c014036/po/mostra_news.php?id=83&area=H) e Caspoggio(http://www.comune.caspoggio.so.it/c014013/po/mostra_news.php?id=60&area=).

Seguici sui nostri canali
Necrologie