Regionali, comincia la partita

Cosa farà il M5S?

Regionali, comincia la partita
Politica 20 Novembre 2017 ore 16:06
Fra Maroni e Gori un terzo incomodo

Regionali, comincia la partita

Nella sfida tra Roberto Maroni e Giorgio Gori manca il terzo incomodo. Nella corsa per conquistare la presidenza di Regione Lombardia, infatti, il Movimento 5 Stelle deve ancora indicare il suo candidato. Stefano Buffagni, consigliere pentastellato uscente e tra i più accreditati ha scelto Roma. Il commercialista di Bresso, legato a Luigi Di Maio, alla sua prima legislatura al Pirellone, è l’esponente che ha saputo conquistarsi una visibilità e una credibilità decisamente superiore alle più rosee aspettative, tanto da essere entrato nello stretto giro di Beppe Grillo.

Candidature

Il 7 novembre si sono chiuse le candidature alle regionarie e lui ha confermato che non parteciperà. "Mi sono confrontato con tanti attivisti, con tanti cittadini, con tante persone del Movimento e soprattutto con la mia famiglia... Ho preso questa decisione perché voglio guardare in faccia Gabriele, la cosa più bella che il Signore mi ha donato, e dirgli che ho fatto di tutto per garantirgli un futuro migliore in un'Italia allo sbando. È soprattutto per lui e per il suo futuro che ho deciso di dare la mia disponibilità per portare la voce e le istanze dei cittadini lombardi a Roma".

Chi per il M5S?

Quindi a chi toccherà sfidare Maroni e Gori? Quelli con più chances, che si ricandidano alle regionarie pentastellate, dovrebbero essere Eugenio Casalino, attuale membro dell’Ufficio di Presidenza del Consiglio regionale. Poi il bergamasco Dario Violi e il mantovano Andrea Fiasconaro, entrambi consiglieri uscenti. A loro si aggiunge il deputato milanese Massimo De Rosa, che ha annunciato la sua candidatura. Invece, tra gli attuali membri del Pirellone puntano a Roma anche Gianmarco Corbetta, Giampietro Maccabiani e Paola Macchi, mentre lasciano del tutto la politica Silvana Carcano e Iolanda Nanni.
Necrologie