divisione

Sanità provinciale e ospedale Morelli, è scontro tra i Sindaci

Non si ferma la polemica attorno al piano regionale che vuole riorganizzare la sanità in valtellina.

Sanità provinciale e ospedale Morelli, è scontro tra i Sindaci
08 Agosto 2020 ore 12:49

Il Piano per la Sanità provinciale, sottoscritto dalla grande maggioranza dei Sindaci, 4 mandamenti su 5 lo, integrato a quello del Politecnico di Milano, dopo un grande lavoro di confronto sul territorio, va nella direzione giusta, quella di un rilancio complessivo di tutta la sanità di Valtellina e Valchiavenna. – si legge nella nota stampa diffusa oggi e firmata dal presidente della Comunità Montana di Sondrio Tiziano Maffezzini a nome dei sindaci dei comuni del mandamento e dal sindaco di Sondrio Marco Scaramellini che si dicono soddisfatti del piano proposto per la sanità provinciale che attribuisce al presidio di Sondrio un ruolo centrale.

LEGGI ANCHE:  Morelli, domenica 9 agosto la manifestazione per l’ospedale di Sondalo

Soddisfare i bisogni dei cittadini

Una sanità pubblica di montagna cui tutti auspichiamo: un modello ed una organizzazione in grado di soddisfare i bisogni dei cittadini, sia per quanto riguarda il sistema ospedaliero che la rete di sanità territoriale, dei quali la nostra provincia ha fortemente bisogno anche per sopperire alla drammatica mancanza di medici, fenomeno nazionale ma ancor più evidente nelle aree periferiche, perché la situazione attuale è obiettivamente poco soddisfacente. La proposta di Regione Lombardia ha offerto alla Conferenza dei Sindaci l’occasione di costruire una sanità su misura, una opportunità cui solo la nostra provincia ha potuto beneficiare, ma dalla quale non è scaturita una voce unitaria come era auspicabile.

Guardiamo al complesso

Un aspetto che non è stato colto da tutti, quello di dar vita ad un modello volto a migliorare la sanità nel suo complesso e non solo lo stato di un ospedale o di un ambito, a discapito di altri. Siamo perciò dispiaciuti che i Sindaci dell’Alta Valle, congiuntamente al Comitato per il Morelli, non abbiano mai voluto confrontarsi in sede tecnica, sostenendo solo il loro piano e sottraendosi al dialogo. E quello oggi condiviso non prevede in alcun modo lo “smantellamento” del Morelli, ma ha come unico obiettivo una pianificazione che guarda al futuro della nostra sanità, cercando di dare servizi efficienti in tutta la provincia.

Differenziazione per una sanità efficiente

Solo mantenendo e rafforzando i presidi presenti sui territori, differenziandone e aggiornandone la vocazione, potremo avere una sanità pubblica di montagna efficiente che soddisfi le esigenze del territorio e non sia posta nelle mani della sanità privata. La maggior parte dei Sindaci ha lavorato al fianco di tutti i territori, cercando di favorire il dialogo e l’unione. Ciò ha portato a far prevalere logiche di sistema che vedono i servizi distribuiti su tutti i mandamenti provinciali: Chiavenna, Morbegno e Tirano concorrono insieme a costruire un sistema coerente, con l’Ospedale di Sondrio che rafforza la sua centralità, migliorando molto la sua offerta e i suoi servizi, che al momento non soddisfano pienamente.

Ospedale di Sondalo valorizzato e sviluppato

Allo stesso tempo il patrimonio dell’Ospedale di Sondalo non deve andare disperso ma, anzi, valorizzato e sviluppato, anche tramite una gestione autonoma, come pare possa essere, ma sicuramente non l’unico in valle a vantaggio della sanità privata. E’ chiaro che il confronto istituzionale sia l’unica via che può portare alla sintesi di tutte le visioni, ma, per questo, occorre la volontà di tutti. Una via ancora percorribile, l’auspicio è che dall’Alta Valle ci ripensino ed accettino di confrontarsi in maniera costruttiva, per portare le proprie legittime istanze. Perché solo una piena condivisione può aiutare a ridare corpo e sostanza alla sanità pubblica di cui questa valle ha fortemente bisogno.

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia