Idee & Consigli

Il manicotto dell’intercooler: alcune informazioni generali

Il manicotto dell’intercooler: alcune informazioni generali
Idee & Consigli 16 Dicembre 2022 ore 16:44

Immagine del tubo intercooler tratta da autoparti.it

Nei modelli auto con motore sovralimentato l’intercooler assolve alla funzione di raffreddare l’aria immessa dal turbocompressore, portandola ad una temperatura ottimale, prima che questa entri nel circuito motore. Infatti, il turbocompressore attraverso un processo di compressione, che abbassa la temperatura dell’aria, fa in modo che la sua densità conseguentemente aumenti.

L’aria così compressa permetterà l’ingresso di una maggiore quantità di carburante all’interno della camera di combustione del cilindro. Questo si tradurrà immediatamente in un’ottimizzazione del funzionamento del motore e del consumo del carburante, nonché in una riduzione della formazione di ossidi di azoto. Questa è la ragione per cui questo dispositivo al giorno d’oggi si trova installato nella maggior parte dei modelli auto a turbo. L’intercooler si trova generalmente posizionato tra il turbocompressore e l’aspirazione ed è equipaggiato di un radiatore per il raffreddamento, posto nella parte anteriore dell’auto e dotato di una specifica presa d’aria.

Una regolare manutenzione del sistema di alimentazione dell’aria è importante non solo per la prevenzione di possibili problemi, ma anche ai fini di allungare la durata di servizio dell’intero sistema. A tal scopo sarebbe bene effettuare ad intervalli regolari il cambio del filtro dell’aria, il cui intasamento o usura inficia inevitabilmente la qualità dell’aria immessa nel circuito del motore.

Un regolare controllo dello stato d’usura, condotto preferibilmente da un tecnico, e la sostituzione repentina degli elementi difettosi è altrettanto importante ed aiuta ad evitare l’insorgere di problemi più gravi. Nel libretto dell’automobile sono disponibili tutte le informazioni attinenti agli intervalli di tempo programmati per i controlli e la manutenzione di tutti i sistemi ed i componenti della propria auto.

Andando sullo specifico, vediamo di dare informazioni su uno dei componenti più importanti del sistema di raffreddamento: il manicotto dell’intercooler.

Il manicotto dell’intercooler, anche noto come tubo flessibile dell’intercooler, assolve alla funzione di convogliare l’aria ad alta pressione del turbocompressore dell’auto nelle fasi di aspirazione e di compressione. Ecco i problemi più comunemente connessi con questo componente:

  • Perdita di tenuta, per lo più dovuta ad una lacerazione del tubo flessibile o all’usura degli anelli di tenuta. Se questo è il caso, si noterà immediatamente un impoverimento della miscela aria-carburante ed un improvviso aumento nel consumo del carburante. Si tratta di una sorta di reazione a catena che potrebbe portare ad un funzionamento instabile del motore. Le suddette lacerazioni sono spesso dovute ai carichi molto alti di aria compressa a basse temperature che passano attraverso questo condotto.
  • Deposito di polvere o di particelle impure sulle parti del sistema. Un filtro d’aria malfunzionante potrebbe causare l’infiltrazione di particelle e sostanze impure dall’esterno, che accumulandosi potrebbero col tempo causare dei seri problemi ai vari sensori (sensore della massa d’aria, sensore della pressione, sensore della valvola EGR, ecc) ed alla valvola a farfalla. Questi depositi potrebbero rendersi inoltre responsabili di un avviamento difficile del motore, di un problema all’accelerazione, di un aumento nel consumo di carburante ecc.

In virtù degli stress termici e meccanici ai quali questo tubo è sottoposto, la sua durata è limitata e l’intervallo di tempo per la sua sostituzione è di 2-5 anni. Il manicotto è in genere costituito da una speciale miscela di gomma, che risulta molto sensibile ad una esposizione ad alte temperature (il contatto con dell’olio caldo può ad esempio rivelarsi deleterio). Essendo fissato con due morsetti, la rimozione di questo componente non è particolarmente difficile. 

Ci auguriamo che la lettura di questo articolo sia stata utile.

 

Seguici sui nostri canali
Necrologie