Sport
Coppa del Mondo di sci

Discesa libera di Bormio: nella seconda prova sulla Stelvio i big si sono nascosti, domani la gara

Mercoledì e giovedì in programma due SuperG. I commenti degli azzurri. In pista anche il bormino Zazzi.

Discesa libera di Bormio: nella seconda prova sulla Stelvio i big si sono nascosti, domani la gara
Sport Alta Valle, 27 Dicembre 2021 ore 15:01

In vista della discesa di domani, martedì 28 dicembre 2021, un po’ tutti gli uomini jet hanno preferito levare il piede dall’acceleratore e concentrarsi piuttosto sulle linee ideali da tenere in gara. Ne è uscita quindi una prova in cui i big hanno accusato distacchi più o meno pesanti rispetto al leader, lo svizzero Niels Hintermann che ha chiuso in 1’54”78 tenendo una velocità e un ritmo simile a quello della gara. D’altronde gareggiare sulla Stelvio per cinque giorni (due di prove oltre ai tre di gare) richiede di centellinare le energie.

Qui la classifica della prova di oggi: https://medias4.fis-ski.com/pdf/2022/AL/0047/2022AL0047RLT2.pdf

Discesa libera di Bormio: la seconda prova cronometrata sulla Stelvio

Terzo il leader della Cdm Marco Odermatt mentre tra i favoriti per la gara di domani da segnalare il 7° posto di Dominik Paris. Nono lo statunitense Ryan Cochran-Siegle, dodicesimo l’elvetico Beat Feuz, 23° Matthias Mayer, 45° Vincent Kriechmayr.
Tra gli azzurri ottavo posto per Pietro Zazzi, 26enne bormino cresciuto sportivamente nelle file del Reit Ski Team, che invece ha dovuto scendere a tutta o quasi per potersi qualificare per la discesa di domani. Obiettivo centrato, resta escluso dalla prova il giovane Nicolò Molteni.

Appuntamento quindi a domani alle 11.30 per la discesa sulla Stelvio mentre mercoledì è la volta del primo SuperG e giovedì del secondo.

I commenti degli azzurri

DOMINIK PARIS: "Oggi è stata un po’ più tosta rispetto a ieri, la pista è bella ghiacciata e gli sci sbattevano parecchio. Ogni giorno diventa sempre più “difficile”. Per domani sono carico, cercherò di dare il massimo. Ho provato a far bene la parte alta, la più difficile, e poi mi sono concentrato sulle linee migliori da tenere in gara. Sotto mi sono risparmiato un po’…”.

CHRISTOF INNERHOFER: “La prova è andata così, così… Ho provato a sciare bene in cima per prendere il ritmo ma non ci sono riuscito anche perché ho commesso subito un errore e ho perso subito velocità. In cima è tosta, gli organizzatori hanno fatto un bel lavoro. Solo nel 2008 e nel 2018 ho trovato una Stelvio con il terreno di gara più duro. Tra la parte alta e quella bassa cambia parecchio, sopra è super tosta mentre sotto è sciabile e va bene così perché uno arriva già “cotto” a San Pietro. I curvoni finali sono più filanti rispetto al passato, c’è meno curva”.

MATTIA CASSE: “La pista è sempre più tosta, si sta lucidando e domani lo sarà sicuramente di più. Domani sarà un’altra storia, vediamo. Questa è una pista impegnativa, selettiva e molto difficile da interpretare”.

PIETRO ZAZZI: “Dovendomi giocare la qualificazione non mi posso risparmiare mai in nessuna prova cronometrata. Oggi è andata molto bene, ieri nella prima prova avevo avuto quasi un po’ troppo feeling, ero tanto aggressivo. Ho cambiato il set up e oggi ho provato a spingere e ho pensato di poter far bene nelle curve dove si può fare la differenza. Sono fiducioso per la gara di domani, devo sciare come so e stare tranquillo senza spingere troppo. Dopo una partenza un po’ così nella trasferta americana, dove ho faticato parecchio, sono riuscito ad andar discretamente bene in Coppa Europa, mi sono qualificato in Val Gardena, diciamo che sono in crescendo. La Stelvio è sempre tosta, oggi mi sembrava ancora più “mossa” rispetto alla prima prova, più veloce… tosta”.

6 foto Sfoglia la gallery

(foto Pentaphoto)

 

Necrologie