Menu
Cerca
ciclismo

E' ufficiale: il Giro d'Italia si decide in Valle Spluga

Penultima tappa della Corsa Rosa con finale all'Alpe Motta

E' ufficiale: il Giro d'Italia si decide in Valle Spluga
Sport Valchiavenna, 24 Febbraio 2021 ore 16:57

E’ ufficiale: il Giro d’Italia si deciderà in Valle Spluga. Durante la presentazione della Corsa Rosa del 2021 è stata annunciata la conclusione della ventesima e penultima tappa, nella giornata di sabato 29 maggio, all’Alpe Motta.

Verbania – Valle Spluga/Alpe Motta

Il percorso della tappa, denominata Verbania – Valle Spluga/Alpe Motta, misura 164 chilometri (con un dislivello complessivo di 4200 metri) è quello che avevamo anticipato alcune settimane or sono sulle pagine di Centro Valle. Dopo la partenza ci sarà immediatamente lo sconfinamento in Svizzera per arrivare fino a Lostallo e iniziare la lunghissima scalata del Passo San Bernardino.

Un’ascesa non durissima per quel che riguarda le pendenze medie, ma con alcuni tratti impegnativi e, soprattutto, 31 chilometri di lunghezza complessiva. Dalla vetta poi una ventina di chilometri in discesa porteranno i corridori fino a Splugen.

Da lì l’impegnativa scalata del Passo dello Spluga dal versante svizzero, 9 chilometri con quasi 700 metri di dislivello in uno scenario paesaggistico mozzafiato. In vetta si rientrerà in Italia e si scenderà per 20 chilometri passando sulla provinciale per Isola e arrivando a Campodolcino, si farà il giro del paese per rientrare sulla statale più o meno all’altezza del Municipio e risalire sulla suggestiva strada del Donegani fino a Pianazzo.

Qui, invece che prendere la normale via per Madesimo, si devierà sulla vecchia strada, assai più impegnativa e paesaggisticamente suggestiva, che sarà riasfaltata per l’occasione. Arrivati a Madesimo si farà una sorta di circonvallazione del paese per poi affrontare gli ultimi due impegnativi chilometri verso l’Alpe Motta. Una tappa a cinque stelle insomma, ancora più decisiva visto che la Corsa Rosa terminerà il giorno successivo con una crono di 29 chilometri da Senago a Milano.

Grande soddisfazione

«Una soddisfazione grandissima - è il primo commento di Davide Trussoni, presidente della Comunità Montana della Valchiavenna - e il culmine di un lavoro enorme durato anni. Crediamo che il Giro d’Italia sia una vetrina significativa dal punto di vista turistico e promozionale per la Valle Spluga e siamo anche orgogliosi del fatto che sia al termine di una tappa impegnativa e decisiva.

Ci tenevamo infatti che il valore agonistico dell’evento fosse pari a quello promozionale. La provincia di Sondrio è sempre stata protagonista del Giro, ma la Valchiavenna è rimasta sempre un pochino più in disparte. Questo successo ci fa ben sperare anche per gli anni futuri. Devo ringraziare tutto il territorio, a partire dai Comuni di Campodolcino e Madesimo, oltre che la Provincia, il Bim e, per il suo lavoro insostituibile, Gigi Negri. Ora godiamoci tutti questa tappa meravigliosa».

Vetrina importante

L’appuntamento potrebbe lanciare definitivamente l’intera Valchiavenna nel mondo del bike, proprio grazie alla notorietà del Passo dello Spluga nel mondo.

«Stiamo lavorando molto da anni per affermare anche a livello mediatico il brand Passo Spluga nel mondo del cicloturismo - sottolinea il direttore del Consorzio Turistico Valchiavenna, Filippo Pighetti -. Il Giro d’Italia è la punta di diamante di questo progetto iniziato anni fa: insieme all’evento del prossimo 29 maggio, stiamo portando avanti diverse iniziative tra cui la richiesta per la chiusura della strada nel tratto Campodolcino-Pianazzo con Spluga da capogiro nelle domeniche estive, grazie alla Comunità Montana della Valchiavenna ed ai Comuni di Madesimo e Campodolcino. Un’iniziativa che già nel 2020 ha riscosso successo e consensi».

Molte, infatti, le iniziative sulle due ruote che il Consorzio Turistico della Valchiavenna vuole continuare a proporre: le lezioni per bambini con l’Equilibrio bike school, EGiust MTB, Ebike sotto le stelle, escursioni organizzate in Ebike in collaborazione con la Chiavennese MTB, che da qualche settimana è il nuovo gestore del Centro Sportivo di Campodolcino.

 

Necrologie