Sport
Grande ciclismo

E' ufficiale: una tappa del Giro d'Italia 2022 arriverà in Valtellina: il percorso completo

Arrivo ad Aprica dopo il Mortirolo, Teglio e il Santa Cristina.

E' ufficiale: una tappa del Giro d'Italia 2022 arriverà in Valtellina: il percorso completo
Sport Tiranese, 10 Novembre 2021 ore 11:31

E' ufficiale da pochi minuti. Oggi, mercoledì 10 novembre 2021, Rcs Sport ha presentato le tappe di alta montagna che caratterizzeranno l'edizione 2022 del Giro d'Italia. E le indiscrezioni sono state confermate: una frazione sarà in Valtellina. L'arrivo della Sforzato Wine Stage sarà ad Aprica.

Il Giro d'Italia torna ad Aprica

Per il paese orobico sul confine tra Valtellina e Valcamonica sarà un piacevole ritorno in rosa. Già sede di arrivi, spesso decisivi o entrati nella storia del ciclismo, Aprica sarà di nuovo arrivo di tappa. Di più, sarà il traguardo di una delle frazioni sicuramente più appassionanti della corsa rosa 2022.

La presentazione online questa mattina ha ufficializzato il percorso della frazione valtellinese che è dedicata allo Sforzato. Da diversi anni, infatti, gli organizzatori associano alcune tappe a eccellenze enogastronomiche. E visto che l'arrivo della frazione è nel tiranese non poteva che omaggiare proprio lo Sforzato, forse il simbolo dei vini della nostra terra.

Un percorso per scalatori

La tappa, lunga 200 chilometri, partirà da Salò, sulla sponda bresciana del lago di Garda. Quindi, dopo aver affrontato la scalata del  Goletto di Cadino i corridori scenderanno fino a Edolo per raggiungere Monno e affrontare una delle vette simbolo del ciclismo: il Mortirolo. Un'ascesa che sarà sul versante camuno, quello considerato più "facile" rispetto al classico da Mazzo. Quindi la discesa e un tratto di pianura per raggiungere le pendici della terza salita di giornata, che porterà i ciclisti ad affrontare la salita che conduce a Teglio.

Da lì una nuova picchiata verso il fondovalle prima di affrontare  l'ultima, e probabilmente decisiva, salita della tappa: il Gran Premio della Montagna di Santa Cristina. Un nome che per gli appassionati richiama quello di Marco Pantani, che proprio sul Santa Cristina nel 1994 si rivelò al grande pubblico staccando definitivamente Berzin (poi vincitore di quel Giro d'Italia) e soprattutto Indurain, il grande dominatore delle corse a tappe degli Anni Novanta.

AGGIORNAMENTO DELLE ORE 13.20
Al termine della presentazione ufficiale sono ora disponibili maggiori dettagli sul percorso della tappa del Giro d'Italia 2022 in Valtellina. Una frazione nel nome non solo dello Sforzato, ma anche di Marco Pantani. Il Goletto di Cadino fu infatti scalato l'ultima volta nel 1998, prima dell'arrivo a Montecampione. E la classifica generale di quell'anno vide trionfare proprio il "Pirata" che sulla salita di Montecampione staccò definitivamente il rivale Tonkov.

Da segnalare che l'ascesa a Teglio sarà dal versante più duro, quello che parte da Bianzone e si inerpica attraverso Boalzo, con pendenze anche del 18%. Infine, detto della tappa del 1994 (quell'anno il Mortirolo si fece dal versante di Mazzo, quest'anno da Monno con discesa verso Grosio), va ricordato che il Santa Cristina manca al Giro da oltre vent'anni: l'ultimo passaggio fu nel 1999.

Necrologie