Menu
Cerca

Everesting: in Valtellina dove nascono i record

Nove volte il passo Umbrail per l’israeliano Erez Zarum

Everesting: in Valtellina dove nascono i record
Sport 18 Agosto 2017 ore 09:35

Portata a termine un’impresa ciclistica

Everesting: in Valtellina nascono i record

Passo Umbrail, il lato svizzero dello Stelvio, fatto per ben 9 volte in un solo giorno: si chiama Everesting, per qualcuno potrebbe essere un’impresa, per altri, come nel caso dell’israeliano di Tel Aviv Erez Zarum, si tratta di una fase di passaggio verso obiettivi più ambiziosi. Zarum, nato nel 1987, da mesi si sta allenando per l’evento e rimarrà a Livigno fino ai primi di ottobre, punta infatti al double Everesting, ossia il doppio del dislivello appena realizzato.

Prossima impresa

La prossima volta, quella dei 17.700 metri, sarà sul passo Gavia. Data ancora da fissare, dipenderà dal meteo, ma probabilmente sarà ai primi di settembre, giusto il tempo di recuperare le fatiche rappresentate dallo sforzo appena terminato: 236 km, 7500 calorie, 13,9 velocità media per una totale di 9712 di dislivello. In realtà sullo sfondo vi è un obiettivo ancor più ambizioso: il record mondiale stabilito da un americano, Craig Cannon, che il 9 agosto 2015, a Berkley in USA ha scalato un dislivello di 29,624 metri. Roba da brividi.

L’avventura

L’avventura di Zarum è partita il mattino alle 7 di domenica quando sulla cima dell’Umbrail vi erano pochi gradi, quasi zero, per poi proseguire ininterrottamente fino alla sera alle 23.30. Un’impresa portata a compimento in solitaria, senza il supporto di nessun accompagnatore e che ha richiesto grandi doti organizzative, sia dal punto di vista logistico che alimentare.

Condividi
Top news
Glocal news
Video più visti
Foto più viste
Necrologie
Idee & Consigli