Fervono i preparativi per le Olimpiadi invernali dei sordi

Si è tenuto in Provincia un tavolo tecnico-organizzativo per fare il punto

Fervono i preparativi per le Olimpiadi invernali dei sordi
22 Ottobre 2019 ore 15:38

Il presidente della Provincia Elio Moretti ha coordinato ieri, lunedì 21 ottobre 2019 un incontro al quale sono intervenuti gli enti e le associazioni coinvolte nell’organizzazione della 19° edizione delle Winter Deaflympics (Olimpiadi invernali dei sordi) che vedranno protagonista la provincia di Sondrio dal 11 al 21 dicembre prossimi.

Olimpiadi invernali dei sordi

In apertura dei lavori, Moretti ha voluto confermare l’impegno finanziario da parte di Regione Lombardia e Provincia di Sondrio. Al tavolo, per un confronto sugli aspetti tecnici e organizzativi, hanno partecipato i rappresentanti dei 4 Comuni direttamente interessati alle diverse fasi dell’evento: Sondrio (sede della cerimonia di apertura), Chiavenna (sede di gare e della cerimonia di chiusura), Madesimo e Valfurva (sedi di competizioni). Con loro anche i rappresentanti dei soggetti e delle associazioni che si occupano dell’organizzazione dell’evento (La Federazione Sport Sordi Italia, l’ASD Accademia Allenatori di Villlongo e la società Santa Caterina Impianti di Valfurva).

Già effettuati i sopralluoghi sugli impianti

Nel corso dell’incontro si è fatto il punto sui preparativi per lo svolgimento delle olimpiadi: dalla predisposizione della cerimonia di apertura in Piazza Garibaldi a Sondrio durante la quale sfileranno atleti e delegazioni partecipanti, ai lavori di adeguamento delle strutture (palazzi del ghiaccio di Chiavenna e Madesimo) agli standard internazionali previsti per le competizioni di questo livello. I sopralluoghi utili alla verifica dell’andamento dei lavori in corso e alla definizione degli aspetti logistici sono già stati effettuati sia da parte della federazione internazionale che dalle delegazioni estere con esiti positivi. Gli atleti saranno impegnati in differenti discipline: sci alpino, sci nordico, snowboard, hockey, curling e scacchi. I primi arrivi, finalizzati all’allenamento sulle piste e negli impianti che ospiteranno le gare, sono previsti già da fine novembre.

Il commento di Moretti

Al termine dei lavori, il presidente della Provincia Moretti ha commentato: “Queste olimpiadi, anche se meno popolari poiché riservate ad una particolare categoria di atleti, sono un evento straordinario e molto importante sia per gli stessi atleti che per il nostro territorio. Per la nostra provincia rappresentano un banco di prova per le prossime olimpiadi Milano – Cortina del 2026. Pertanto l’impegno di tutti è ai massimi livelli. Sono certo che saremo in grado, grazie alla collaborazione di tutti, emersa anche dal confronto, di ottenere degli ottimi risultati. Gli enti sovraordinati, Regione e Provincia, credono molto in questo evento; hanno infatti stanziato cifre importanti destinate all’adeguamento delle strutture sportive comunali che, oltre a garantire un qualificato svolgimento delle competizioni, contribuiranno alla valorizzazione e allo sviluppo del turismo montano e dell’economia locale, nonché alla promozione dello sport come veicolo di integrazione, coesione sociale e difesa di valori positivi”.