Grande festa ad Aprica per la Granfondo Internazionale Gavia-Mortirolo

Circa 3000 corridori hanno preso parte alla gara organizzata dal Gs Alpi: ospite d’onore Eugenij Berzin, spazio anche all’ultramarathon 

Grande festa ad Aprica per la Granfondo Internazionale Gavia-Mortirolo
Sport 25 Giugno 2018 ore 12:54

La gara più dura, la più affascinante, la più difficile. La Granfondo Internazionale Gavia-Mortirolo ha vissuto la sua 14ª edizione: una grandissima festa per i circa 3000 corridori che hanno affollato Aprica in occasione della gara organizzata da Gs Alpi, sulle salite dove si sono scritte pagine storiche del Giro d’Italia. Il Passo Gavia, situato a oltre 2600 metri; il Mortirolo, una delle ascese più dure d’Europa; il Passo Santa Cristina, ultima difficoltà prima del traguardo finale di Aprica.

Festa ad Aprica per la Granfondo Internazionale Gavia-Mortirolo

Ospite d’onore è stato Eugenij Berzin, vincitore del Giro d’Italia e della Liegi-Bastogne-Liegi nel 1994. La Granfondo Internazionale Gavia&Mortirolo ha voluto omaggiare due grandi del ciclismo che non sono più tra noi, Marco Pantani e Michele Scarponi; Berzin ha infatti depositato una corona di fiori ai piedi del monumento dedicato al Pirata di Cesenatico posto sul Mortirolo, a ricordare quel Giro d’Italia del 1994 nel quale i due corridori furono grandi protagonisti. In fase di premiazione è stato inoltre consegnato un premio alla memoria di Michele Scarponi.

85km

Volata a due nell’arrivo del percorso corto, di 85 km: Dario Giovine (Team Isolmant) riesce ad avere la meglio su Francesco Avanzo (Biemme Garda Sport). I due corridori sono rimasti da soli in testa negli ultimi due chilometri del Mortirolo, e nel finale si sono sfidati in un affascinante duello. In terza posizione chiude Andrea Zumerle (FP Race). Tra le ragazze, Jessica Leonardi (Team Lapierre Trentino Alè) trionfa con un vantaggio di oltre 10 minuti su Deborah Rosa (Team De Rosa Santini) e Luisa Isonni (Boario).

175km

La gara regina si è svolta sul percorso lungo di 175 km, dove i corridori hanno affrontato Gavia, Mortirolo e Santa Cristina per un dislivello complessivo di 4200 metri. Enrico Zen (New Green Paper Trek) ha trionfato sul traguardo di Aprica davanti al britannico Ruari Grant (ProVision Scotland) e a Gianluca Paoloni (Team Paoloni Marcellina). Zen è stato autore di un vero e proprio numero, in quanto è stato da solo in testa alla corsa fin da metà gara, e ha vinto con 6 minuti di vantaggio sul britannico. Sonia Passuti (Stemax Team) si aggiudica la gara regina al femminile con più di mezz’ora di vantaggio su Barbara Billi (Asd Scatenati); terza piazza per Maria Elena Palmisano (Team Piton).

Ultra maratona

Nella grande festa della Granfondo Internazionale Gavia&Mortirolo c’è stata anche la grande impresa di Giancarla Agostini, atleta torinese specializzata nelle ultramaratone. La ragazza ha affrontato il percorso lungo della gara a piedi, partendo sabato mattina alle 9 e chiudendo nella tarda mattinata di domenica. La Agostini ha percorso il tracciato di 175 km alternando camminata e corsa senza mai fermarsi.
Classifiche complete: https://www.mysdam.net/events/event/results-v6_41145.do

Necrologie