Giornata da incorniciare

Il volo a vela protagonista in un connubio tra Valtellina e Brianza FOTO

In quel di Alzate Brianza (Verzago) una serie di lodevoli iniziative volte a fare conoscere questa disciplina sportiva.

Il volo a vela protagonista in un connubio tra Valtellina e Brianza FOTO
16 Ottobre 2020 ore 10:16

Il “TeamMazzu” di patron Stefano Mazzucchi ha organizzato la prima edizione di “Valtellina & Brianza – Volo a Vela – ottobre 2020” a cui hanno partecipato molti appassionati di aliante e relativi piloti, ma soprattutto è stata l’occasione per “cementare” ulteriormente il connubio che lega la Valtellina alla meravigliosa Brianza sia da un punto di vista di enogastronomia che di territorio & di cultura & di attività sportiva e soprattutto come il meraviglioso volo a vela. L’idea è partita dal valtellinese, vulcanico, intraprendente imprenditore e pilota di aliante, il giovane Stefano Mazzucchi, figlio del compianto Antonio, uno dei precursori del volo a vela a livello provinciale e non solo. Il tutto si è svolto presso l’aeroporto Giancarlo Maestri di Alzate Brianza (Verzago) e ospiti degli amici dell’A.V.L. (Aeroclub Volovelistico Lariano) capitanati dall’infaticabile e inossidabile presidente Alessandro Scaltrini alla guida del blasonato club brianzolo oramai da più di otto anni.

Ospiti importanti

Ospiti graditi e “coccolati”, i due piloti paralimpici di volo a vela – acrobazia, al secolo Igor Macera (Livorno) & Iwan Piccioni (Giulianova Marche – Teramo), che appartengono alla squadra nazionale italiana paralimpica; il primo, campionissimo prima nella barca a vela e poi nel volo a vela, mentre il secondo ha partecipato (con ottimi risultati) a tutte le tappe del “challenge” 2020 nazionale di volo a vela specialità volo “artistico”; da tre anni piloti acrobatici paralimpici (unitamente ad un altro pilota: Stefano Zuccarini) di volo a vela e – come abbiamo già evidenziato – in “carico” alla nazionale paralimpica sotto lo sguardo attento del loro coach Pietro Filippini e con sede – per il loro training – in quel di Castel Viscardo – Orvieto – Terni (Umbria). Oltre a loro due, presenti in aeroporto anche i piloti, ovvero gli italiani Paolo Nava (campione italiano volo acrobatico a vela 2020), Enrico Roncone, Gianpaolo Bulanti e Benedetta Losa, oltre allo svizzero Davide Giovanelli (di Locarno e inizialmente pilota volo a vela con al suo attivo alcune affermazioni nella specialità “velocità”); attualmente pilota a “motore” nell’ambiente aereo militare svizzero e in continua formazione! Ad impreziosire il “momento” e a renderlo veramente indimenticabile, il giovanissimo (quattordicenne) violinista & pianista, Riccardo Nani, che ha allietato tutti i presenti con un “intermezzo musicale” da brivido, unendo – idealmente – la terra al cielo; e, rimanendo sempre in tema, da menzionare – non ultima perché meno importante – la campionessa lecchese di “scalata ai grattacieli” Cristina Bonacina e testimonial del “TEAMMAZZU”!

Targati Teammazzu

Ovviamente, tutti i piloti presenti, vestivamo tute da volo “coloratissime” e performanti (anche per elementi femminili vedi la modella Natalia) firmate rigorosamente “teammazzu”, un prodotto di nicchia e made in Valtellina (da ricordare che i due piloti acrobatici paralimpici avevano indosso tute “Mazzucchi” e sono stati gli ospiti  graditi in quel di Alzate Brianza grazie a questa speciale collaborazione.

Connubio

Un connubio perfettamente ben riuscito e in particolare da una parte l’enogastronomia, fiore all’occhiello dell’intera Valtellina & Valchiavenna, su tutti i pizzoccheri, la bresaola e il buon vino valtellinese che sono stati i protagonisti indiscussi, unitamente agli spettacolari voli a bordo degli alianti messi a disposizione dall’Aeroclub Volovelistico Lariano – A.V.L., di una giornata unica e irripetibile, e dall’altra il territorio, la cultura, l’attività sportiva, etc. insomma ingredienti questi che hanno decretato l’ampio successo di questo “evento” destinato negli anni a diventare un appuntamento fisso.

Il ben “organizzato” e ben “orchestrato” Il primo raduno aereo (volo a vela) – sotto l’abile regia dell’intero “TEAMMAZZU” è stato anche occasione ghiotta per presentare le nuove tute da volo della blasonata azienda valtellinese Mazzucchi, fiore all’occhiello dell’intera imprenditoria sondriese e non solo. Connubio – tra l’altro perfettamente riuscito – tra l’intera provincia di Sondrio e la Brianza (la Brianza è un’area geografica della Lombardia, a nord di Monza e a sud del lago di Como; con il termine Brianza viene indicato un territorio della Lombardia non corrispondente a un ente territoriale; infatti, i suoi comuni afferiscono alle province di Como, Lecco, Monza e Brianza e in piccola parte alla città metropolitana di Milano; come confini generali dell’area regionale si possono indicare il Canale Villoresi a sud, l’Adda a est, le valli prealpine del Triangolo Lariano fin dove nasce il Lambro a nord e il fiume Seveso a ovest). Dove si sono trovati molteplici “motivi” di collaborazione, di confronto e soprattutto di condivisione … uno su tutti l’aspetto della solidarietà e a seguire quelli di enogastronomia, di cultura (vedi la bellissima e toccante esibizione del talentuoso “enfant prodige” Nani, il violinista in “erba” che a soli quattordici anni è già una più che importante conferma nel panorama musicale valtellinese e valchiavennasco), di sport e di ambiente.

Giornata da incorniciare

Da una parte la musica e l’enogastronomia come cultura del territorio (Valtellina & Brianza) e dall’altra il volo a vela, una disciplina sportiva “ecologica” a 360 gradi … che ha riunito – in una giornata veramente da incorniciare – un nutrito gruppo di persone (appassionate di questa meravigliosa disciplina “aerea”) tutte desiderose di trascorrere un “momento” all’insegna dell’amicizia, della collaborazione, della solidarietà e soprattutto – dulcis in fundo – dell’inclusione (vedi – a tale proposito – gli straordinari atleti paralimpici di volo a vela acrobatica) nei confronti di persone veramente uniche e meravigliose che hanno saputo reagire e alla grande … ad un aspetto della propria vita che li ha provati “in profondità”! Il termine inclusione sociale si riferisce alla società e alle sue attività inclusive: abbraccia numerosi aspetti e ambiti tra i quali l’inclusione scolastica e l’inclusione lavorativa; il fine ultimo dell’inclusione sociale è garantire l’inserimento di ciascun individuo all’interno della società indipendentemente dalla presenza di elementi limitanti. Un grazie – veramente speciale da parte degli organizzatori – a tutti gli amici del club A.V.L. di Alzate Brianza per la straordinaria accoglienza e per la profonda amicizia dimostrate lungo tutta la indimenticabile giornata.

3 foto Sfoglia la gallery
Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia