Eventi
Appuntamenti da non perdere

In vendita gli abbonamenti per Sondrio Teatro

I biglietti singoli per i cinque spettacoli si potranno acquistare a partire dal 13 gennaio 2021

In vendita gli abbonamenti per Sondrio Teatro
Eventi Sondrio, 30 Dicembre 2021 ore 13:25

Cinque proposte di alto livello artistico per riscoprire la magia del teatro: la Stagione del Teatro Sociale inizierà il 22 gennaio per concludersi il 4 aprile.

Atteso ritorno

Un atteso ritorno dopo la chiusura dell'anno scorso per l'iniziativa promossa dall'Amministrazione comunale, soltanto ridotta nel numero di appuntamenti ma non nella qualità. Gli abbonamenti si possono acquistare fino al 6 gennaio presso gli sportelli di biglietteria locale di Mvsa e Cast e on line, collegandosi al seguente link https://www.visitasondrio.it/site/home/eventi/articolo909.html.

Sul sito Visita Sondrio si trovano tutte le informazioni sugli spettacoli e sull'accesso al Teatro Sociale.

Il Mvsa è aperto da martedì a domenica dalle ore 10 alle ore 12.30 e dalle ore 14 alle ore 17.30, Cast, a Castello Masegra, negli stessi orari ma da giovedì a domenica.

I biglietti per i singoli spettacoli saranno in vendita a partire dal 13 gennaio prossimo, con le stesse modalità, e si potranno acquistare anche presso il Teatro Sociale, il giorno stesso, a partire dalle ore 18.

Spettacoli

La stagione sondriese si aprirà il 22 gennaio con lo spettacolo "Scusa sono in riunione... Ti posso richiamare?", un'acuta commedia degli equivoci che invita a riflettere sull'ossessione della visibilità e sulla brama di successo che caratterizzano il nostro tempo. Tra gli attori spicca Vanessa Incontrada che recita accanto all'autore e regista Gabriele Pignotta.

Seguiranno il 22 febbraio "L'idiota", un classico di Fedor Dostoevskij, nella versione del Teatro Out Off di Milano, il 3 marzo "La classe" di Vincenzo Manna, esempio di teatro civile e impegnato, il 23 marzo "Fellini", uno spettacolo esplosivo con la danza acrobatica e la musica di Nino Rota, il 4 aprile "Il silenzio grande", per la regia di Alessandro Gassman.

Necrologie