Menu
Cerca
valdisotto

Apertura estiva del Forte di Oga

Tante novità da scoprire.

Apertura estiva del Forte di Oga
Attualità 29 Maggio 2021 ore 12:28

Sabato 5 giugno il Forte di Oga sarà nuovamente visitabile dalle 9.00 alle 18.30 orario continuato.

Riapre il Forte di Oga

Quest'anno il Forte di Oga offrirà diverse opportunità.

Una su tutte, attiva sin dall'apertura del 5 giugno, è la possibilità di prenotare solo online la visita guidata garantita sabato e domenica ad orari stabiliti e garantiti.

Vogliamo offrire a tutti la possibilità di visitare il Forte e scoprire segreti e dettagli che la visita in autonomia non può dare. - Spiegano dalla Pro Loco di Valdisotto -  La visita è garantita con un minimo di 2 persone e massimo 20 persone.
Prezzo ingresso + visita € 10,00
Bambini sotto i dieci anni non pagano

Resta inteso che gruppi superiori a 10 pax potranno prenotare la visita guidata privata in qualsiasi giorno della settimana previo accordo preso con la Proloco Valdisotto.

 

Prenotare

Pochi giorni dunque alla riapertura e tante le novità che aspettano i visitatori: in primis la possibilità per tutti di prenotare la visita guidata al costo di soli € 10,00 (comprensivo di ingresso e visita guidata).

Ciò permetterà ai visitatori di scoprire i segreti della Fortezza in orari e giorni prestabiliti e garantiti (min. di 2 e max 20 persone). - spiega la Proloco di Valdisotto - Siamo certi che questa proposta verrà apprezzata da molti visitatori che spesso rinunciano alla visita guidata privata. Dunque, quattro fasce orarie prenotabili solo online e disponibili ogni week-end (sabato e domenica ore 9.30 – 11.30 – 14.30 – 16.30). La quota non si applica ai minori di 10 anni.

Mostra sulla Grande Guerra

Rimarrà esposta per tutta l’estate la mostra permanente “Gli oggetti raccontano la Grande Guerra: vita in Trincea VS vita in Fortezza”.

La mostra realizzata in occasione delle Giornate Europee del Patrimonio vuole mettere in risalto la differenza sostanziale di vari oggetti in uso o in dotazione presso le trincee rispetto alle fortificazioni durante il primo conflitto mondale. Infatti, uno degli aspetti più affascinanti della Grande Guerra fu la vita nelle trincee e negli appostamenti di alta montagna. Mai, prima di allora, si erano combattute delle battaglie ad altitudini così elevate. Tra le nostre cime i soldati italiani e quelli austro ungarici si trovarono uno di fronte all'altro ad oltre 3000 metri di altezza.

Colazione del Soldato

Visto il successo dello scorso anno, - continuano dalla Proloco - riproporremo nei mesi di luglio e agosto l’evento “Il risveglio del Forte: visita guidata all’alba con colazione del soldato”: scoprire la fortezza e l’ambiente circostante alle prime luci dell’alba, con i raggi del sole che illuminano le cupole dei cannoni è un’esperienza unica! Al Forte di Oga l’alba ha un “sapore” del tutto unico e la colazione, sebbene “povera” e pensata seguendo
antiche tradizioni, verrà consumata sul terrazzone panoramico per permettere ai visitatori di riempire polmoni e occhi con l’energia delle storia e della natura.

Soldato Oghino

Non abbiamo dimenticato i più piccoli: da quest’anno nei mesi di luglio e agosto potranno svolgere attività ludiche-didattiche grazie alla figura immaginaria (ma non troppo) del soldatino Oghino che fungerà da filo conduttore di tutte le attività svolte al Forte, con lo scopo di dare un senso compiuto e alle singole proposte nelle quali i bambini saranno coinvolti.

Ampi spazi

Dalla Proloco concludono:

Abbiamo la fortuna di poter offrire al visitatore ampi spazi ben arieggiati grazie alle caratteristiche dell’edificio che rendono semplice il distanziamento fisico. Il Forte di Oga gode di grandi spazi fruibili all’aperto come il terrazzone panoramico che offre una vista mozzafiato con la possibilità di avvicinarsi alle vette per mezzo del potente cannocchiale e di un pannello descrittivo delle singole cime.

All’esterno il percorso di visita prosegue sul “sentiero della sentinella” che riprende il giro di ronda dei soldati di guardia al Forte sul muro di cinta e sull’imponente vallo di difese, fra reticolati e trincee originali e perfettamente conservati.
Ci auguriamo che anche quest’estate il Forte di Oga possa attirare l'interesse dei turisti e perché no anche dei Valtellinesi che già lo conoscono e di tutto coloro che non l'hanno mai visitato.

 

 

Necrologie