Villa di Tirano

Una casa che rischia di crollare sulla testa dei passanti

L’edificio potrebbe collassare da un momento all’altro, il Comune deve intervenire.

Una casa che rischia di crollare sulla testa dei passanti
Cronaca Tiranese, 21 Giugno 2021 ore 06:30

A Stazzona di Villa di Tirano, proprio nei pressi della chiesa quindi in una contrada centralissima della piccola frazione, in via Piazza, c’è una casa relativamente antica - pare che fosse dei Lambertenghi - che versa ormai da moltissimi anni in condizioni fatiscenti. Ma non è tutto, il problema sta proprio nella stabilità stessa del manufatto, che è stato ponteggiato e messo in relativa - molto relativa - sicurezza dal volenteroso proprietario, subentrato ai precedenti pochi anni fa e non residente nel Comune di Villa.

Poi però nessun lavoro è più stato fatto, da anni questa antica casa versa in condizioni di abbandono, al suo interno ci sono materiali di ogni genere.

Già in questi anni è accaduto che i bambini, transitando lì sotto per andare all’asilo, abbiano rischiato la propria incolumità perchè sono continue le cadute di calcinacci o pezzi di cemento. I vecchi ponteggi riparano ormai ben poco.

Residenti

Gli abitanti della contrada sono in allarme da molto tempo, oltre che per la pericolosità della situazione - sono tante le auto che hanno già subito dei danni sostando anche solo per pochi secondi lì sotto - anche per il pessimo decoro ambientale di una di quelle che potrebbero essere le vie più belle e antiche di Stazzona, a pochi metri dalla parrocchiale.

Ai tempi del sindaco Giacomo Tognini, quindi già molti anni fa, prima che i vecchi proprietari vendessero ai nuovi, qualcuno aveva suggerito un acquisto da parte del Comune per realizzare un parcheggio che nel cuore di Stazzona servirebbe davvero come il pane. La richiesta però non fu accolta. Ci sarebbero stati anche problemi con la Soprintendenza Belle Arti. Ora l’amministrazione di Franco Marantelli dovrebbe farsi carico di un problema che si sta facendo sempre più pressante e pericoloso, magari comprando la struttura.

E’ certo ci siano nodi burocratici, ma non è possibile lasciare lì una situazione di questo genere, belle arti o meno. Acquistare l’immobile per poi abbatterlo e creare una piazzetta potrebbe essere la soluzione migliore, prima che qualcuno si faccia male.

Necrologie