maltempo

Ecco cosa ha causato la colata detritica in Val Codera FOTO

La frana è avvenuta sabato scorso, 22 agosto 2020.

Ecco cosa ha causato la colata detritica in Val Codera FOTO
Valchiavenna, 25 Agosto 2020 ore 17:21

Nessun pericolo in Val Codera dopo la colata detritica di sabato 22 agosto 2020 GUARDA IL VIDEO. A comunicarlo è il vicesindaco Fausto Nonini su Facebook: “Ieri è stato effettuato un sopralluogo in alta Val Codera (Arnasca), i tecnici regionali e della Comunita Montana Valchiavenna hanno constatato che non sussiste pericolo per i centri abitati e l’incolumità delle persone.

Debris flow

Il vice sindaco spiega: “Al di sotto del pizzo Ligoncio, si era formato un piccolo laghetto, in seguito allo scioglimento dei nevai e del ghiaccio perenne presente, complice anche la quota elevata dello zero termico. Probabilmente in seguito al forte temporale dello scorso sabato, l’argine morenico naturale ha ceduto riversando una notevole quantità d’acqua lungo il versante, la massa d’acqua ha preso in carico il materiale detritico generando una colata “debris flow” che con enorme energia ha raggiunto il fondovalle passando per le cascate”.

Danni

Nonini conclude: “Il bivacco Valli protetto dall’enorme masso erratico “Sas Carlasc” è stato sfiorato, ma raggiunto solamente da acqua e non ha riportato danni. L’alveo al di sotto delle cascate è stato eroso maggiormente dalla massa di detrito e non necessita interventi, i ponti, ostruiti dal materiale sono già stati prontamente liberati. Il sentiero che raggiunge direttamente il bivacco Valli non ha subito danni, mentre quello che porta a “Piana Bassa” è interrotto da un solco di circa 7m verticali.”

7 foto Sfoglia la gallery

 

 

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia