guardiamo avanti

Non solo coronavirus: ripercorriamo un anno terribile con le 10 notizie più lette del 2020

366 giorni di cronaca ininterrotta dal PrimalaValtellina.it.

Non solo coronavirus: ripercorriamo un anno terribile con le 10 notizie più lette del 2020
Cronaca 31 Dicembre 2020 ore 10:25

Chiudiamo il 2020 riepilogando le dieci notizie più lette sul nostro portale. Come prevedibile, protagonista indiscusso è il covid-19 che da febbraio ci accompagna con bollettini quotidiani e aggiornamenti sulla sua evoluzione, dal primo caso in provincia di Sondrio, passando per le molte autocertificazioni fino alla notizia di pochi giorni fa riguardante l’arrivo del vaccino anche in Valtellina. Rileggendo le cronache dell’anno che va a chiudersi il desiderio è quello di lasciarsi tutto alle spalle portando solo gli aspetti positivi: l’impegno di chi lotta contro il virus e la speranza che la pandemia si risolva presto.

LEGGI ANCHE: Auguri di Buon Anno al tempo del covid, le frasi migliori

Le 10 notizie più lette del 2020

1-L’autocertificazione di novembre

Da tenere sempre in tasca, è l’ultimo modello di autocerticazione che ha raggiunto in pochi mesi il titolo di notizia più letta. Dopo la spensieratezza dei mesi estivi la curva dei contagi è tornata a salire e il Governo a novembre ha deciso di tornare alle restrizioni sugli spostamenti. Senza un valido motivo è meglio non sportarsi, il rischio è di ricevere una multa salata, da 400 a 3000 euro.

https://primalavaltellina.it/rubriche/topnewsregionali/autocertificazione-novembre-2020-ecco-il-nuovo-modulo-da-scaricare/

2-Il decespugliatore per tagliare i capelli

L’emergenza affrontata con ironia: eravamo nei primi giorni di marzo 2020 e Vincenzo Sganga barbiere di Tirano per rispettare la distanza di sicurezza ha deciso (per gioco) di usare un decespugliatore per tagliare i capelli ad un suo cliente

Norme contro coronavirus: un decespugliatore per tagliare i capelli VIDEO

3-Il primo contagiato è uno studente di 17 anni, la testimonianza dei genitori

I genitori del 17enne risultato positivo al coronavirus tramite il loro legale diffusero una nota descrivendo come sono andate le cose, dal sospetto fino all’accertamento che il proprio figlio avesse contratto il virus. Il giovane frequentava una scuola vicino a Codogno, nella bergamasca, una delle prime zone a diventare zona rossa. Era il 23 febbraio 2020.

17enne contagiato da coronavirus, la testimonianza dei genitori

4-L’incertezza del Dpcm Natale

L’ultimo Dpcm firmato dal Premier Giuseppe Conte nel giro di pochi giorni è diventato un argomento virale, sul nostro portale l’articolo che spiegava attraverso domande e risposte quali fossero le indicazioni in merito agli spostamenti tra comuni è stato letto decine di migliaia di volte.

Dpcm Natale: ecco quando ci si può spostare fuori dal proprio Comune

5-Nebulizzatore per sanificare il bar

Era il 6 marzo 2020, qualcuno in Valchiavenna con il nebulizzatore in spalla e vestito con tuta bianca e mascherina è entrato in bar per “sanificare” l’ambiente tra le risate dei presenti.

Ironia per battere il coronavirus: il video dalla Valchiavenna diventa virale

6-Malore per una ragazzina a Livigno

Una ragazza di appena 15 anni ha accusato un malore mentre si trovava a Livigno. Le sue condizioni sono parse più gravi del previsto e la macchina dei soccorsi si è attivata affinché raggiungesse il prima possibile l’Ospedale. Grazie ai soccorritori la malcapitata è stata salvata. Era il 6 febbraio 2020.

Ragazzina di 15 anni colta da malore, è gravissima

7- Tragedia a Sondrio: minorenne trovata senza vita

Terribile vicenda quella che si è consumata il 9 marzo 2020 a Sondrio. Carabinieri e ambulanza si sono recati in un prato situato dietro la sede della Motorizzazione e in prossimità della Tangenziale, in località Agneda, per prestare soccorso a una ragazza. Purtroppo al loro arrivo altro non hanno potuto fare che costatarne il decesso.

Ragazza minorenne trovata morta in un prato, accanto a lei una pistola

8-Covid-19 in Valtellina, i primi decessi

A inizio marzo si cominciava a contare anche i morti in Provincia di Sondrio. Il 16 marzo moriva un 39enne valtellinese, il quinto di un elenco che è arrivato a 394 nominativi nell’ultimo aggiornamento del 30 dicembre 2020

Coronavirus: quinta vittima valtellinese, aveva 39 anni

9-Frana a Chiareggio uccide tre persone

Mercoledì 12  agosto 2020, a Chiareggio, in Valmalenco, una frana si è staccata dal versante della montagna a causa delle abbondanti piogge di quei giorni.  Il bilancio è di tre vittime: moglie e marito, una bambina di 13 anni. Un bambino di 5 anni è invece rimasto ferito gravemente. Erano tutti a bordo della stessa auto. Tra le persone coinvolte anche un 49enne intervenuto per prestare soccorso.

Frana a Chiareggio travolge automobile: tre morti tra cui una bambina, grave bimbo di 5 anni VIDEO

10-Il contagio si estende

Il contagio dilaga in Provincia di Sondrio. A inizio marzo si contavano i contagi dividendoli per Comune, il conteggio è diventato poi impossibile da fare con l’aumento esponenziale dei tamponi positivi. Il 13 marzo i casi confermati erano 45, il 30 dicembre 2020 il numero è salito a 8602.

Coronavirus in Valtellina: MAPPA AGGIORNATA

Condividi
Top news
Glocal news
Video più visti
Foto più viste
Curiosità