tragedia

Positiva al Coronavirus: infermiera si toglie la vita in Brianza

Era assegnata al reparto di terapia intensiva.

Positiva al Coronavirus: infermiera si toglie la vita in Brianza
24 Marzo 2020 ore 18:01

Infermiera si toglie la vita in Brianza: era positiva al Coronavirus. E’ successo al San Gerardo di Monza. L’infermiera trentenne era assegnata alla Terapia intensiva.

LEGGI ANCHE Coronavirus: addio a Roberto Ghibesi

Infermiera si toglie la vita in Brianza: era positiva al Coronavirus

Come riporta Prima Monza, la tragedia si è consumato ieri, lunedì 23 marzo 2020, ma la notizia è stata data solo in queste ore. Un’infermiera trentenne dell’Ospedale San Gerardo di Monza è salita fino all’undicesimo piano, in un reparto chiuso per lavori, e qui si è tolta la vita. Il corpo esanime è stato poi trovato da una squadra di operai che avrebbe dovuto riprendere gli interventi. Sconosciuti i motivi del tragico gesto. La trentenne era stata da poco assegnata alla Terapia intensiva per far fronte all’emergenza Coronavirus.

Sulla tragedia è intervenuta anche la Fnopi (Federazione nazionale delle professioni infermieristiche) che ha prospettato un possibile collegamento tra il gesto e la pressione cui, ogni giorno in questa fase di emergenza, il personale infermieristico è sottoposto.

“La Federazione nazionale degli ordini delle professioni infermieristiche esprime tutto il dolore e la costernazione degli infermieri alla notizia di una giovane collega che non ce l’ha fatta più e tutti i 450mila professionisti presenti in Italia si stringono uniti e con forza attorno alla famiglia, agli amici e ai colleghi. Ciò che ha vissuto nell’ultimo periodo, anche se non sono ancora note tutte le cause del gesto, ha pesantemente contribuito come la goccia che fa traboccare il vaso. Lo affermano anche i colleghi che le sono stati vicini nei momenti in cui, trovata positiva e messa in quarantena con sintomi, viveva un pesante stress per la paura di aver contagiato altri. L’episodio terribile, purtroppo, non è il primo dall’inizio dell’emergenza COVID-19 (Un dramma analogo a questo era già avvenuto il 18 marzo scorso in Veneto. Qui, un’infermiera 49enne, che lavorava all’ospedale di Jesolo (Ve), anch’essa nel reparto di terapia intensiva, si è tolta la vita gettandosi nelle acque del Piave ancor prima dell’arrivo dell’esito del tampone.)  e anche se ci auguriamo il contrario, rischia in queste condizioni di stress e carenza di organici di non essere l’ultimo. Ma non può certo nemmeno essere commentato ora. È sotto gli occhi di tutti la condizione e lo stress a cui i nostri professionisti sono sottoposti e di questo e di quanto sarebbe stato possibile fare in tempi non sospetti e che ora riteniamo sia non solo logico e doveroso, ma indispensabile fare, riparleremo quando l’emergenza sarà passata. Ora non è il momento, ora è il momento solo di piangere chi non ce l’ha fatta più. Non facciamo la conta dei positivi e dei decessi per COVID-19, che non sono davvero pochi. Ognuno di noi ha scelto questa professione nel bene e, purtroppo, anche nel male: siamo infermieri. E gli infermieri, tutti gli infermieri, non lasciano mai solo nessuno, anche a rischio – ed è evidente – della propria vita. Ora però basta: non si devono, non si possono, lasciare soli gli infermieri”.

Purtroppo non è la prima: è successo anche in Veneto

Una dramma analogo a questo era già avvenuto il 18 marzo scorso in Veneto. Qui, un’infermiera 49enne, che lavorava nel reparto di terapia intensiva dell’ospedale di Jesolo (VE), si è tolta la vita gettandosi nelle acque del Piave

Dai una mano a
Da settimane, i giornalisti del tuo quotidiano online lavorano, senza sosta e con grande difficoltà, per garantirti un'informazione precisa e puntuale dal tuo territorio, sull’emergenza Coronavirus. Tutto questo avviene gratuitamente.
Adesso, abbiamo bisogno del tuo sostegno. Con un piccolo contributo volontario, puoi aiutare le redazioni impegnate a fornirti un'informazione di qualità. Grazie.

Scegli il tuo contributo:
Top news regionali
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
ANCI Lombardia