Menu
Cerca
misure anti covid

Riaperture previste dal 26 aprile: cosa cambia per scuola, ristoranti, sport e spostamenti

Verso una "quasi normalità".

Riaperture previste dal 26 aprile: cosa cambia per scuola, ristoranti, sport e spostamenti
Cronaca 18 Aprile 2021 ore 09:46

 

Dal 26 aprile potrebbero tornare le zone gialle, lo dicono i numeri: i ristoranti e i bar servirebbero nuovamente al tavolo i clienti e tutti gli studenti di qualsiasi scuola seguirebbero le lezioni seduti al proprio banco. Ma il nuovo decreto, spiegano i colleghi di PrimaBergamo.it, che sarà firmato la settimana prossima, prevede con le dovute eccezioni e differenze da zona a zona anche il via libera agli sport all’aria aperta, agli spettacoli, all’apertura dei musei e agli spostamenti tra regioni.

Al momento resta obbligatorio l’utilizzo delle mascherine e mantenere distanze adeguate, mentre il coprifuoco non ha subito slittamenti d’orario e resta fisso alle 22. Sono ancora vietate le feste.

Spostamenti tra Regioni

Tra le novità del nuovo decreto vi è la possibilità di spostarsi tra le regioni. Ciò avverrà liberamente se ci si sposta tra regioni gialle; se invece ci si deve spostare tra regioni arancioni o rosse servirà un pass che dimostrerà di essere stati vaccinati e di aver effettuato un tampone antigenico o molecolare nelle 48 ore precedenti che ha dato esito negativo, o di aver avuto il Covid ed essere guariti.

Scuola

Nelle zone arancioni e gialle tutti gli studenti delle scuole di ogni ordine e grado torneranno a seguire le lezioni in presenza da lunedì 26 aprile. Nelle zone rosse invece potranno tornare in classe tutti gli alunni fino alla terza media, mentre per le scuole superiori in una misura dal 50 al 75 per cento.

Bar e ristoranti

Baristi e ristoratori nelle zone potranno servire nuovamente i propri clienti a pranzo e a cena. I tavoli però dovranno essere all’aperto e non potranno esserci sedute più di 4 persone non conviventi. Resta, ovviamente, anche la possibilità di effettuare l’asporto o la consegna a domicilio. L’1 giugno i ristoranti potrebbero ospitare i clienti seduti al tavolo anche al chiuso, ma solo a pranzo e seguendo nuove linee guida; la distanza tra i tavoli, al chiuso, è stata portata a 2 metri.

Sport e spettacoli

Da lunedì 26 aprile ritornano anche gli sport all’aperto, non soltanto quelli individuali: tradotto, si potrà tornare a giocare anche a basket o a calcetto. Riparte anche il mondo della cultura, i musei potranno riaprire, ma solo nelle zone gialle e secondo linee guida rigorose che prevedono ingressi limitati e visite con un tempo prestabilito.

A sorpresa dal 1 maggio si potrà anche tornare allo stadio o nei palazzetti dello sport a fare il tifo per la propria squadra. Anche in questo caso saranno previste norme rigide per fissare la capienza massima di spettatori. Dettagli e parametri saranno stabiliti nei prossimi giorni.

Riapriranno anche i cinema e i teatri. Gli spettacoli nelle zone arancione e rossi saranno il distanziamento e con una capienza di sala limitata.

Piscine e palestre

Dal 15 maggio via libera all’attività degli stabilimenti balneari e a quella delle piscine, a patto che si trovino all’aperto. Dal 1 giugno si potrà tornare anche in palestra: le lezioni dovranno essere prenotate e negli spogliatoi si dovranno seguire alcune limitazioni

Fiere

Dal 1 luglio sarà possibile partecipare nuovamente a fiere e convegni. Le regole da rispettare saranno le stesse per gli eventi organizzati in luoghi chiusi. Sempre da luglio via libera anche alla riapertura degli stabilimenti termali e dei parchi tematici.

Necrologie